19.4.17

Taranto-Paganese 0-4: quello che si era prospettato come un sogno adesso è a portata di mano.


Nella foto, tratta da Sportube, il momento dell’atterramento di Zerbo in piena area che causerà il rigore realizzato poi da Cicerelli

di Nino Ruggiero

Si, stavolta si fa proprio sul serio; non ci sono dubbi. Una vittoria tanto corposa e indiscutibile in trasferta proprio non la ricordo per quanto stia cercando di rimestare tra i tanti ricordi.
Quattro gol, e potevano essere ancora di più, contro un Taranto che nella prima parte del campionato non era apparso tanto dimesso e sfasato, e che a Pagani era riuscito a rimediare un pareggio con un “tuffo” di Bollino.

Vince a mani basse la Paganese, anche se inizialmente rinuncia a Reginaldo, sostituito da un redivivo Zerbo, a Picone e a Bollino. Partita dall’esito quasi scontato, tanto evidente appare fin dai primi minuti la differenza di passo fra le due squadre. Il primo sigillo per la Paganese a garanzia di una vittoria, mai messa in discussione, dopo pochi minuti di gioco è opera di Firenze (e siamo a otto, se non erro) che dal limite dell’area, con un tocco felpato di interno destro, mira all’angolino alto alla sinistra del portiere Contino; un gol chirurgico messo a segno da un calciatore che non smentisce le sue dichiarate attitudini al gol. La Paganese dilaga e potrebbe segnare in più di una occasione; prende anche una traversa clamorosa con un azzeccato colpo di testa di Cicerelli, fra i migliori per gli azzurro-stellati. Bisogna però aspettare gli ultimi minuti del primo tempo per il raddoppio che arriva su calcio di rigore realizzato da Cicerelli. Stavolta niente “cucchiaio”: portiere da una parte e tiro rasoterra dall’altra.

Nella ripresa la musica non cambia. Il Taranto ce la mette tutta nel tentativo di ridurre le distanze e in qualche occasione anche Liverani deve dimostrare di essere pronto e attento. Ma è la Paganese che va vicina alla segnatura con un tacco di Firenze su servizio di Zerbo che termina lemme lemme la sua corsa sul palo. Entra Reginaldo al posto di Zerbo, e gli azzurro-stellati si esibiscono in duetti che sanno di brodo di giuggiole grazie all’intesa Reginaldo-Firenze; quest’ultimo fallisce per due volte consecutive la più che meritata doppietta personale. Non fallisce, invece, Reginaldo che, servito da Cicerelli, ipnotizza il suo angelo custode e da due passi gira a rete fulminando Contini. C’è tempo anche per il quarto gol messo a segno dal giovane Parlati; un giusto premio per il centrocampista entrato al posto di Tascone.

Ecco, adesso quello che si era prospettato come un sogno è a portata di mano. I play-off sono lì, a due passi quando mancano solo tre gare alla fine. Alzi la mano chi credeva nelle potenzialità di questa squadra a gennaio inoltrato. Cosa è successo, allora? Realtà e fantasia oggi si confondono in un turbinio di emozioni senza fine. Miracolo, o cos’altro?

Nino Ruggiero

No comments: