31.7.08

Paganese-Cosenza 0-0. La cronaca di www.cosenzacalcio.eu

È terminata col risultato di 0 a 0 contro la Paganese squadra che l’anno prossimo disputerà il campionato di Lega Pro 1
La gara, a dispetto del risultato finale, è stata piacevole ed entrambe le squadre hanno giocato a viso aperto.
Nel secondo tempo spazio a tutta la rosa a disposizione del tecnico rossoblu Tranne De Miglio e Galantucci per affaticamento e Carli che sta facendo una preparazione differenziata .
Il prossimo appuntamento è fissato per domenica 3 Agosto a Norcia contro il Siena . Un test di prestigio contro una squadra di Serie A.

Paganese: Melillo, (1 st Castelli), Imparato (30′ Costanzo), De Giosa (15 st Astarita), Taccola (1 st Chiavaro); Iraci (23 st Mannone), Caracciolo, Esposito, Bombara (1 st Gentile), Berardi, Capodaglio (1 st De Rosa); Lasagna. All. Ezio Capuano
Cosenza: Ambrosi (1 st Guizzetti), Morelli (1′ st Bernardi), Chianello ( 1′ st Morchella), Braca (22 st Bacilieri), Parisi (22′ st Zangaro); Occhiuzzi (1 st Musacco), De Rose, Spinelli (1 st Fabio), Catania (22′ st Danti); Danti (1 st Ambrosi), Polani (1 st Cantoro). All Toscano

LA CRONACA:

45’st Finisce la partita Paganese 0 Cosenza 0
40’st Musacco ci prova ma il tiro da fuori termina alto
37’st Giuzzetti sventa al 37° su un cross, proveniente dalla destra,
1’st Squadra rivoluzionate Toscano getta nella mischia Cantoro e Ambrosi
1’st E’ iniziato il secondo tempo

43′ pt Occhiuzzi, pescato sulla destra che mette al centro, ma Polani viene anticipato in angolo per un soffio.
38′pt Danti ci prova dalla lunga distanza sfiorando la traversa.
30’pt Prima azione pericolosa del Cosenza con Catania che supera un avversario sulla sinistra, fa partire un tiro cross che attraversa tutto lo specchio della porta e per poi spegnersi sul fondo
26′ pt Esposito subisce un fallo al limite dell’area, si incarica della battuta, ma la palla colpita a girare di destro sfiora l’incrocio dei pali.
7′ pt Il primo tiro dell’incontro è per la Paganese al 7′ con Esposito, che avanza dalla sinistra, si accentra e batte da limite ma la palla sorvola la traversa
1′ pt inizia la partita

www.cosenzacalcio.eu

Paganese-Cosenza 0-0: un'amichevole senza reti. Mendil non è sceso in campo.



Termina zero a zero l'amichevole tra PAGANESE e COSENZA disputata quest'oggi a Spoleto.
La gara, a dispetto del risultato finale, è stata piacevole ed entrambe le squadre hanno mostrato interessanti trame di gioco. In casa Paganese da segnalare il ritorno in campo di Bombara, anche se la settimana di riposo forzato ne ha condizionato la prestazione. Obiettivo primario degli uomini di Capuano è stato quello di mettere a punto gli schemi di gioco seppur ancora privi degli attaccanti titolari.
Nel secondo tempo spazio a tutta la rosa a disposizione del tecnico salernitano.

Il prossimo appuntamento è fissato per domenica 3 Agosto ad Assisi quando gli azzurrostellati affronteranno il Pisa di Ventura. Un test sicuramente affascinante contro una squadra di categoria superiore. I neroazzurri lo scorso anno ricordiamo che hanno raggiunto i play-off promozione per l'accesso alla massima serie.

TABELLINO

PAGANESE: (primo tempo) Melillo, Imparato, Iraci, Caracciolo, De Giosa, Taccola, Esposito, Bombara, Lasagna, Berardi, De Rosa.

PAGANESE: (secondo tempo) Castelli, Costanzo, Mannone, Caracciolo ('65 Capodaglio), Astarita, Chiavaro, Esposito, Gentile, Lasagna, Berardi, De Rosa All. Capuano

COSENZA: Ambrosi, Morelli, Chianello, Braca, Parisi, Occhiuzzi, De Rose, Spinelli, Catania, Danti, Polani. All. Toscano


paganesecalcio.com

Pro Patria, Spal e Lanciano ripescati in Prima divisione.

"Sono state ripescate nella 1/a divisione della Lega Pro, la Spal, il Lanciano e la Pro Patria. Per quanto riguarda la 2/a divisione sono invece state ripescate Sambonifacese, Colligiana, Montichiari, Andria e Rovigo". Ad annunciarlo è stato, al termine del consiglio federale della Figc, lo stresso presidente della Lega Pro, Mario Macalli.

www.tuttomercatoweb.com

Consiglio Federale spaccato.

E' in corso, presso la sede della Federcalcio, il Consiglio Federale
che avrebbe dovuto rendere note le società ripescate nei campionati di Prima e Seconda Divisione.

Non la pensa così, però, il presidende della FIGC Giancarlo Abete il quale vorrebbe attendere i verdetti del Tar, previsti per l'11 agosto, prima di procedere a ripescaggi e gironi.

Di tutt'altro avviso la Lega Pro che intenderebbe procedere in giornata.

Gianluca Russo - paganese.it

Mirko Taccola: trentotto anni e non sentirli.



ETTORE ROMANO Preci. Lavora ancora sulle brevi distanze al mattino, ma soltanto perché ha raggiunto il ritiro di Preci con una settimana di ritardo rispetto al resto della comitiva e non perché abbia bisogno di un lavoro particolare per le trentotto candeline che soffierà il prossimo 14 agosto. A dire il vero, Mirko Taccola si sente un leone e non forza i ritmi soltanto per volere del preparatore atletico Vetere. Ma di birra in corpo ne ha eccome il tosto centrale di retroguardia voluto a tutti i costi da Eziolino Capuano. Il fisico è ancora integro e le motivazioni sono quelle di un ragazzino: «Altro che pensionato, come molti vogliono lasciar intendere, come lo stesso presidente di Lega Macalli vorrebbe attraverso l'introduzione delle nuove norme». I contributi li versa alla squadra sotto forma d'esperienza: «L'età è un fattore relativo - spiega - Molti si arrendono subito dopo aver superato i trenta, ma il mio caso è diverso: ho trentotto anni, ma sento di poter dare ancora tanto al calcio e di poter essere di grande aiuto ai molti giovani che compongono l'organico della Paganese». Una sorta d'allenatore in campo Mirko Taccola - «I miei consigli e quelli dei pochi altri veterani presenti in squadra serviranno a far maturare le giovani leve» - tenuto in grossa considerazione da Capuano: «Avevamo già condiviso l'esperienza di Sora - racconta - e quando mi è arrivata la sua chiamata non ho esitato un solo istante ad accettare il trasferimento alla Paganese. È una sfida particolarmente stimolante: sono sicuro che ci salveremo tranquillamente e lasceremo un po’ ovunque il marchio di gioco che riesce ad imprimere Capuano». A partire da oggi, dall'amichevole in programma a Spoleto contro il Cosenza. Pur privo di attaccanti di ruolo - Mendil è ancora in evidente ritardo di condizione ed anche un po’ in sovrappeso e Balistreri ha lasciato il ritiro per firmare col Monopoli - l'allenatore azzurrostellato pretende comunque sostanziali progressi rispetto alla precedente esibizione coi dilettanti del Deruta: innanzitutto sul piano atletico, poi nello sviluppo della manovra, che va velocizzata attraverso la ricerca della verticalizzazione. Nel pomeriggio di ieri, non a caso, Capuano ha insistito su questi concetti tattici e preteso tanto soprattutto dal metodista Caracciolo e dalle mezz'ali Berardi e Capodaglio. Ha partecipato all'intensa seduta tattica anche il fluidificante Bombara, che col Cosenza farà il suo esordio in gare amichevoli dopo aver superato pienamente i problemi muscolari delle scorse settimane. Soltanto il giovane D'Andria non sarà dell'amichevole: ritornerà a Pagani per un esame ecografico che faccia luce sulla natura dell'infortunio. In attesa della prima punta toccherà ancora a De Rosa operare in prima linea in tandem con Lasagna: sabato mattina dovrebbe arrivare a Preci l'ariete argentino Sebastian Ferrero (già corteggiato da D'Eboli un paio di settimane fa) e portare al taglio dell'ex attaccante del Matera. In dirittura d'arrivo anche la trattativa con Tisci, il cui tesseramento potrebbe portare anche alla rescissione con Gentile.

Il Mattino

Calciatori Over 21

Scade oggi il termine entro il quale le società sono obbligate a depositare presso la Lega Pro l'elenco dei 18 calciatori (relativamente alla Prima Divisione) di età superiore a 21 anni che saranno utilizzati nelle gare ufficiali.
E' sempre possibile la variazione dell’elenco presentato purchè avvenga nel corso dei periodi di campagna trasferimenti, in tal caso la lista andrà aggiornata in Lega nel termine dei cinque giorni antecedenti la disputa della gara.
E' consentita la variazione dell'elenco, solo se incompleto, anche al di fuori dei periodi di campagna trasferimenti; in tal caso sarà possibile integrarlo esclusivamente con calciatori liberi da vincoli di tesseramento al termine della stagione sportiva precedente.
Le società, infine, possono sostituire nella lista in qualsiasi momento un portiere con altro portiere, nel rispetto delle norme generali sui trasferimenti e sul tesseramento dei calciatori.

Al momento sono tredici i calciatori over 21 nella rosa azzurrostellata :

PORTIERI: Castelli, Melillo;
DIFENSORI: Astarita, Chiavaro, De Giosa, Imparato, Taccola;
CENTROCAMPISTI: Berardi, Capodaglio, Caracciolo, Esposito, Gentile;
ATTACCANTI: Mendil.

Gianluca Russo - paganese.it

Stasera l'amichevole col Cosenza di Cantoro.

Attesa per il test amichevole che la Paganese sosterrà questa sera con inizio alle ore 18 a Spoleto contro il Cosenza dell' ex Cantoro.

paganesecalcio.com

Oggi i gironi (forse).

Questo pomeriggio a partire dalle ore 14 nella sede della FIGC in Via Allegri si terrà la riunione del Consiglio Federale.
All'ordine del giorno della riunione ci sarà anche l'integrazione delle squadre che dovranno completare gli organici dei campionati di Prima e Seconda Divisione, vale a dire verranno stabilite le squadre che saranno ripescate in sostituzione delle società non iscritte per inadempienze amministrative.
Una volta espletata questa operazione, la Lega Pro potrebbe immediatamente procedere alla compilazione dei gironi relativi al prossimo campionato.

paganesecalcio.com

20.000 euro dal Comune per il manto erboso.



L'amministrazione comunale del Comune di Pagani ha concesso alla Paganese Calcio un contributo di ventimila euro da destinare alla manutenzione straordinaria del manto erboso dello stadio "Marcello Torre".

Gianluca Russo - paganese.it

30.7.08

Questa la formazione attuale (con Tisci e Di Cosmo da confermare).



Le foto dei giocatori sono tratte da paganesecalcio.com

Ultimora: Gennaro Esposito smentisce il suo passaggio al Gallipoli.

In attesa che si definisca il passaggio alla Paganese di Ivan Tisci, per il quale tra la società azzurrostellata e quella del Foggia restano da limare pochi dettagli, il Direttore Generale D'Eboli continua a dragare il mercato per portare alla corte del tecnico Capuano i due attaccanti mancanti.
Nelle ultime ore si era fatto il nome di Maurizio Nassi, attaccante in forza all'Ancona, ma il calciatore interpellato da Paganese.it, confermando l'interessamento della Paganese, ha tenuto a precisare che gode della piena fiducia del tecnico Francesco Monaco e intende pertanto giocarsi le sue carte in serie B.
Ritornando al centrocampo, invece, non è ancora tramontata l'ipotesi Gennaro Esposito che, smentendo il suo passaggio al Gallipoli dato in giornata per certo, ci ha fatto sapere che a giorni renderà nota la sua nuova destinazione.

Gianluca Russo - paganese.it

Su Tisci si inserisce anche il Sorrento (Il Roma).

Il diario di bordo di Paganese.it

La seduta mattutina è stata incentrata sul lavoro di forza, prima con l'ausilio di traini poi in circuiti con velocità; in quella pomeridiana, invece, con il tecnico Capuano si è passati al solito lavoro tecnico - tattico.
Ha lavorato ancora a parte Paolo D'Andria per il quale il fisioterapista azzurrostellato Vincenzo Galizia sta valutando la possibilità di sottoporlo ad una risonanza magnetica presso l'Istituito Cardiologico De Martino.

Gianluca Russo - paganese.it

Paganese, cercasi partner di Mendil: spunta Maurizio Nassi.



Lavori in corso. Questo è il cartello che campeggia nel ritiro di Preci dove la Paganese si sta preparando per la nuova stagione. Capuano e D’Eboli continuano tra un allenamento e l’altro a parlare di mercato e l’interesse degli azzurrostellati è rivolto ad un attaccante che si completi con Mendil, acquistato lunedì.
Detto e ridetto dell’interessamento per Cipolla, il nome nuovo è quello di Maurizio Nassi dell’Ancona, ex Fermana.

Resport.it

Mendil: i miei gol per la salvezza.



Nassim Mendil è il primo attaccante di grosso spessore che la Paganese è riuscita ad ingaggiare in questa sessione di calcio mercato. Dopo aver firmato domenica sera il contratto che lo legherà ai compagni, Mendil ha raggiunto ieri i nuovi compagni in ritiro per iniziare la preparazione in vista dei primi impegni ufficiali.

Benarrivato Nassim, come si è sviluppata la trattativa che ti ha portato in maglia azzurrostellata ?
Avevo avuto dei contatti con la Paganese già la passata stagione; poi, purtroppo non se n’era fatto niente ed ero approdato alla Pro Sesto. Quest’anno, dopo essermi svincolato dalla società lombarda, ho valutato diverse proposte insieme al mio procuratore. Alla fine devo dire che le parole del direttore, quelle del mister e del presidente mi hanno convinto ad accettare la loro proposta. Mi sono sembrati veramente decisi nel chiudere la trattativa e non ho avuto titubanze ad accettare la Paganese.

L’anno scorso hai giocato al nord. Quest’anno ritorni al sud dove hai giocato tanti anni.
Devo dire che a Sesto San Giovanni mi sono trovato benissimo. Ho avuto modo di lavorare lì con grande tranquillità. Tuttavia, avendo militato sempre in formazioni meridionali come l’Avellino, il Catania, la Salernitana devo dire che mi mancava un po’ l’entusiasmo di una piazza calda. Al sud c’è entusiasmo, c’è anche a volte grande pressione sui calciatori ma questa pressione spesso si tramuta in un grande trasporto che fa sì che un calciatore possa rendere al meglio. Il nostro pubblico dovrà aiutarci tantissimo per raggiungere risultati importanti.

Conoscevi già l’allenatore o qualcuno dei nuovi compagni?
Conoscevo l’allenatore, so che mi ha sempre ammirato e che ha sempre cercato di avermi con lui. Quindi sono convinto che giocando con continuità avrò la possibilità di fare buone cose. Lavorando tutti con determinazione sono convinto che la Paganese possa fare un buon campionato. So anche che la società sta provvedendo a completare l’organico a disposizione del mister e pertanto mi attendo molto da questa stagione.

Intervista raccolta da paganesecalcio.com

Niente Paganese per Gennaro Esposito: ha firmato col Gallipoli.



Gennaro Esposito, centrocampista 23enne del Siena, passa in prestito al Gallipoli, dopo aver giocato l'ultima stagione al Cesena.

tuttomercatoweb.com

Dal Foggia è in arrivo l’esperto Tisci.



ETTORE ROMANO Preci. Finalmente il si del Foggia ed il via libera per Ivan Tisci, sogno di mezza estate che diventa realtà. Già da oggi la forte mezz'ala di Genoa potrebbe raggiungere il ritiro di Preci ed unirsi alla comitiva azzurrostellata portando in dote l'enorme esperienza accumulata tra serie B (220 presenze e 19 gol) e C1 (126 presenze e 13 reti). Il centrocampo di Capuano diverrebbe così zona di talento (quello di Esposito ed Iraci), di potenza (quella di Caracciolo e Gentile) e di esplosività (quella di Tisci e del promettente Gentile). L'acquisto di Tisci, in più, garantirebbe al tecnico azzurrostellato un ulteriore chioccia su cui puntare per la valorizzazione dei giovani. È pronto ad accoglierlo a braccia aperte soprattutto il portiere Castelli, che ha condiviso con lui l'ultima stagione a Foggia andando ad un passo dalla finale play-off per la promozione in serie B: «Servivano un po' di vecchi - sorride il numero uno della Paganese - per trainare un organico valido ma troppo giovane. Io, Caracciolo, Taccola e Mendil dobbiamo sforzarci per dare il massimo ed essere d'esempio per tutti gli altri». Si sente bene Antonio Castelli, ha superato ormai la fase critica di riabilitazione dopo la rottura del tendine d'Achille e non vede l'ora d'indossare quella numero uno che per oltre sei mesi gli è stata sottratta da un brutto infortunio: «Sono venuto a Pagani per rimettermi in discussione - spiega - Avverto intorno a me un clima di grande fiducia e questo mi aiuta a lavorare meglio. Sono ormai a buon punto, riesco a sostenere i ritmi dell'intero allenamento. Devo recuperare soltanto un pizzico d'elasticità e poi ritornerò il Castelli di sempre». Ed una volta ritrovata la condizione fisica ottimale sarà pronto anche a scommettere col pubblico di Pagani: «È una scommessa difficile, ma cercherò di vincerla: voglio far dimenticare alla piazza i due grandi portieri che mi hanno preceduto, Petrocco e Botticella». Le prime due settimane di ritiro l'hanno rigenerato e gli hanno lasciato sensazioni più che positive: «La cosa che più mi ha sorpreso è la cura maniacale che il tecnico Capuano riserva alla tattica. È partito dall'Abc ed ora la squadra si muove già con discreti automatismi». Anche se la lacuna in prima linea, nonostante l'arrivo di Mendil (ieri pomeriggio ha sostenuto il primo allenamento a Preci), resta evidente: ecco perché oltre al centrocampista Tisci, la società potrebbe a giorni annunciare anche l'ingaggio di Julian Di Cosmo (Catania) e di Cipolla (Pistoiese). L'alternativa è Nassi, in esubero ad Ancona.

Il Mattino

Visite mediche per il settore giovanile.

Lunedì 4 agosto i ragazzi delle formazioni "Berretti" e "Allievi Nazionali" sosterranno le visite mediche presso l'Istituto Cardiologico De Martino .
Ricordiamo che le formazioni giovanili saranno in ritiro dal 25 al 31 agosto in Molise per preparare le gare ufficiali.

paganesecalcio.com

Diramazione dei gironi di Prima Divisione. Ancora un rinvio?

Potrebbe subire un ulteriore rinvio la diramazione dei gironi di Prima e Seconda Divisione.

Considerando che domani, al termine del Consiglio Federale, si conosceranno le società ripescate, la Lega Pro dovrebbe rendere nota la composizione dei gironi solo nella prossima settimana.

Gianluca Russo - paganese.it

29.7.08

Alla disperata ricerca di attaccanti.



La Paganese è alla ricerca di almeno due attaccanti e rimpinguare così un reparto che al momento vede in rosa solo Nassim Mendil e Fabrizio Lasagna.
In stand - by le trattative con Nicola Falomi e Andrea Pintori, la società azzurrostellata attende sviluppi anche per Julian Di Cosmo (nella foto) sul quale, però, il tecnico del Catania Walter Zenga ha posto, per il momento, il vieto alla cessione. Se ne riparlerà solo al termine del romitaggio estivo degli etnei.
A meno di clamorosi ripensamenti, invece, non vestiranno la maglia azzurrostellata Giovanni Cipolla e Mario Bonfiglio. Al primo, in un incontro tenutosi questo pomeriggio, gli è stata comunicata dal Presidente della Pistoiese Braccialini la sua incedibilità; il secondo, invece, sebbene lusingato dal corteggiamento della Paganese, per motivi strettamente logistici, ha rinunciato al passaggio in azzurrostellato.

Gianluca Russo - paganese.it

Primo allenamento per Mendil.



E' giunto a Preci il nuovo arrivato Nassim Mendil. L'attaccante francese è giunto in ritiro ad allenamento iniziato nel pomeriggio ed ha svolto una prima sgambatura in vista delle prime sedute più intense a partire da domani.
Mannone è ritornato ad allenarsi con il gruppo, mentre è ancora rimasto fermo Paolo D'Andria sempre alle prese con un'infiammazione ad un ginoccchio. Si sta valutando la possibilità di sottoporre il calciatore ad un'ecografia per valutare l'entità del problema fisico.

paganesecalcio.com

Il diario di bordo di Paganese.it

Lavoro di forza e ripetute nella seduta mattutina, lavoro tecnico - tattico in quella pomeridiana.
Giunto a Preci nel pomeriggio, il neo acquisto Mendil ha sostenuto, invece, una leggera sgambatura. Lavoro differenziato, infine, per Paolo D'Andria.

Gianluca Russo - paganese.it

Paganese, un rinforzo in attacco: il francese Mendil.



ETTORE ROMANO Preci. Ha un talento puro, naturale Nassim Mendil, francese di Rognac, di cui s'accorse l'Avellino otto anni fa. Quell'enfant prodige è cresciuto, maturato, ha superato anche momenti di grossa difficoltà (come a Salerno nel 2004-05 in serie B) ed ora è un centravanti affermato, di quelli che fanno la differenza in Prima Divisione. La Paganese se n'è assicurata le prestazioni grazie al fine lavoro diplomatico del dg Cosimo D'Eboli ed ha leggermente colmato quella grossa lacuna in prima linea, scavata a fondo dalle prime due amichevoli stagionali. Mendil raggiungerà il ritiro di Preci questa mattina e nel pomeriggio farà anche il suo esordio in allenamento con la casacca azzurrostellata, ritrovando la sua naturale dimensione di seconda punta dopo un anno trascorso ad agire lungo la corsia mancina: «Alla Pro Sesto - spiega - mi sono adattato per una stagione intera, ricoprendo un ruolo che non m'appartiene. Ma è andata comunque bene perché ho realizzato sei gol e fornito tanti assist a quelli della prima linea. Ma la mia dimensione naturale è tra le linee di centrocampo ed attacco: amo avere campo libero davanti, puntare alla porta per vie centrali e dialogare nello stretto con la prima punta». Anche quella arriverà a breve (il dg D'Eboli continua ad insistere con Cipolla della Pistoiese, Bonfiglio della Ternana oltre che con Di Cosmo del Catania e Pintori, ex Lanciano), ma nel frattempo c'è già Mendil, c'è già talento in abbondanza negli ultimi sedici metri. «Se ho un buon nome è perché me lo sono costruito nel corso degli anni con enormi sacrifici. Il mio segreto sta tutto lì: m'impegno sempre al massimo e ad ogni nuova esperienza mi rimetto in discussione». Ha già un'idea della sua nuova squadra - «Con Caracciolo ho giocato insieme ad Ascoli, Imparato l'ho conosciuto a Salerno, Taccola non ha bisogno di presentazioni» - e del campionato che l'attende: «Lotteremo per una tranquilla salvezza. C'è un discreto mix di giovani validi e calciatori esperti che possono fare da chioccia: non è detto che potremo toglierci anche delle belle soddisfazioni». Svela poi i retroscena della trattativa conclusa in tempi record: «Già lo scorso anno la Paganese mi cercò, ma avevo già firmato per la Pro Sesto. Mi hanno richiamato domenica mattina e non ho esitato un solo istante a metter nero su bianco. Questa società ha dimostrato di credere in me e sono pronto a ripagare la fiducia. In più c'è l'ambiente caloroso che mi stimola tantissimo. Pagani è una piazza importante». Oltre a Mendil, la paganese ha messo sotto contratto - come preannunciato nei giorni scorsi - anche il centrocampista Berardi ed i difensori Chiavaro ed Astarita, ritenuti idonei da Capuano dopo il periodo di prova.

Il Mattino

Capuano chiede la profondità a Esposito e Iraci.

Preci. Mezza giornata di riposo dopo due settimane d’intense doppie sedute. L'organico azzurrostellato ha potuto finalmente godere di una mattinata di relax, di qualche ora di riposo aggiuntivo. C'è chi ha preferito rinviare la sveglia fino alle 10, chi invece ha dedicato la mattinata ad una salutare passeggiata tra i freschi sentieri di Preci, chi infine - soprattutto tra i più giovani - non s'è fatta mancare il classico torneo di Play-Station. Un pizzico di libertà concessa dal tecnico Capuano, più sorridente del solito (sarà stato per l'acquisto di Mendil), che nel pomeriggio ha rimesso tutti sotto torchio in collaborazione col preparatore atletico Francesco Vetere. Il lavoro atletico è stato meno duro del previsto, l'esercitazione tattica invece più intensa del solito. Partendo dalle indicazioni fornite dal test amichevole di domenica scorsa col Deruta l'allenatore della Paganese ha insistito parecchio nella ricerca della profondità chiedendo un lavoro straordinario soprattutto agli esterni di centrocampo Esposito ed Iraci in assenza di una prima punta classica (Mendil inizierà a lavorare soltanto oggi pomeriggio). Pochi gli appunti da muovere alla difesa, che ha raggiunto automatismi già discreti (non a caso la porta della Paganese è restata inviolata nei primi due test della stagione) soprattutto grazie all'inserimento del veterano Mirko Taccola. Qualcosa in più Capuano l'ha preteso dalla mediana ed in particolar modo dalle mezz'ali Gentile, Berardi (fresco di tesseramento) e Capodaglio. Hanno lavorato col gruppo anche Lasagna e Bombara, ormai pienamente recuperati dopo i risentimenti muscolari avvertiti la scorsa settimana. et.rom.

Il Mattino

Programma delle amichevoli.

Preci. Più si va avanti con la preparazione, più aumenta il coefficiente di difficoltà degli esami amichevoli. Dopo aver affrontato una rappresentativa locale di Preci ed i dilettanti del Deruta, la Paganese si prepara a sostenere il primo test contro una formazione professionistica. Giovedì 31, infatti, la formazione di Capuano sarà di scena a Spoleto per affrontare il Cosenza di Mimmo Toscano e dell'ex Cantoro. Domenica 3 agosto test ancor più probante a Norcia contro il Pisa di Ventura. Il ciclo delle amichevoli da ritiro si concluderà il 7 agosto ad Assisi con la prestigiosa sfida contro il Catania di Walter Zenga. Di ritorno da Preci, il giorno 13, amichevole al campo Italia contro il Sapri.

Il Mattino

28.7.08

Antonio Castelli confermato: sarà lui il portiere titolare della Paganese.



Sciolto il nodo relativo al portiere. Antonio Castelli rimarrà un calciatore della Paganese per questa stagione calcistica.
A confermarlo è stato il direttore D'Eboli che si è detto convinto delle doti fisiche e tecniche dell’estremo difensore ex Foggia.
Pura utopia un ritorno di Mimmo Botticella, nelle prossime ore il calciatore dovrebbe accordarsi con la Vigor Lamezia.

Il Roma

L'attaccante Pietro Balistreri abbandona il ritiro di Preci.

Questa mattina mister Capuano ha concesso una mezza giornata di riposo "attiva" ai calciatori facendo con loro una sorta di riepilogo tattico di tutto quanto messo in pratica fino adesso in ritiro. Nel pomeriggio sono ripresi gli allentamenti al campo sportivo di Preci. Unici assenti della seduta D'Andria e Mannone che, tuttavia, domani dovrebbe riaggregarsi al gruppo.
Intanto ha lasciato definitivamente il ritiro l'attaccante Pietro Balistreri che era giunto a Preci la settimana scorsa per sostenere un periodo di prova all'interno del gruppo azzurrostellato.

paganesecalcio.com

Attacco sguarnito. Capuano chiede l'acquisto di tre pedine (Il Roma).

Il diario di bordo di Paganese.it

Come già successo all'indomani della prima uscita stagionale, mister Capuano ha concesso ai calciatori azzurrostellati la mattinata di riposo. Nel pomeriggio, invece, il tecnico ha analizzato con gli atleti la gara di ieri evidenziando gli errori commessi. Al termine, due batterie di corsa da dodici minuti ciascuna e lavoro tecnico - tattico.
Hanno lavorato a parte D'Andria e Mannone il quale, però, da domani si riaggregherà al gruppo.
Quello di domani sarà il primo allenamento in azzurrostellato di Nassim Mendil.

Gianluca Russo - paganese.it

Paganese-Deruta 2-0. L'intervista del dopopartita a Ezio Capuano.



Potete vedere e ascoltare a questo link l'intervista realizzata da paganesecalcio.com ad Ezio Capuano al termine dell'amichevole vinta per 2-0 contro il Deruta.

Roberto De Giosa: la carica del capitano.



Roberto De Giosa, uno dei pochi calciatori riconfermati della passata stagione, da quest’anno indosserai la fascia di capitano una scelta che ti responsabilizza.
Sicuramente, è una decisione che ha preso il mister e per me è motivo di grande soddisfazione ed orgoglio. Ero rimasto d’accordo con la società che qualora non ci fossero state richieste da parte di formazioni di Serie B sarei rimasto a Pagani. Sono contento di vestire ancora in maglia azzurrostellata.

State lavorando ormai da due settimane qui a Preci. Che impressioni hai tratto dai primi giorni di lavoro ?
Le impressioni sono decisamente buone, migliori rispetto allo scorso anno anche se alla squadra manca ancora qualcosa.

Anche il programma delle amichevoli è decisamente più impegnativo. Sarà un ottimo banco di prova in vista delle prime gare ufficiali?
Senz’altro. Da queste gare amichevoli il tecnico saprà trarre le giuste indicazioni. Il mister sa sicuramente il fatto suo e sta dando utili consigli a tutti in particolare ai giovani che lo seguono con grande attenzione.

Un giudizio sui nuovi compagni ?
Sono tutti bravi ragazzi desiderosi di apprendere. Si sono messi tutti a disposizione del mister e questo tipo di atteggiamento agevola notevolmente il lavoro.

Il nuovo mister predilige un modulo con una difesa a tre. La tua posizione sarà quella di centro-sinistra?
E’ un ruolo che mi piace e che ho già ricoperto lo scorso anno con Miggiano. L’affiatamento con i compagni di reparto è già buono anche perché Taccola e Imparato sono due ottimi giocatori.

La Paganese probabilmente sarà inserita ancora nel girone settentrionale. Ti stimola l’idea di ritornare a giocare al nord?

Si, rimanere nel girone A può essere meglio, mi dispiace solo per i tifosi che dovranno sobbarcarsi parecchi chilometri per seguirci. Ma abbiamo già visto che le distanze non scoraggiano i nostri sostenitori.

Intervista raccolta da paganesecalcio.com

2-0 in amichevole: De Giosa e Esposito i goleador (Il Mattino)



ETTORE ROMANO Preci.Buona la seconda, in linea con il volere di Capuano. La Paganese ammortizza le fatiche del ritiro superando senza troppo penare il Deruta, compagine di serie D. Il test di ieri, dopo la girandola di reti della scorsa settimana, attesta un quadro clinico decisamente in miglioramento. C'è qualcosa da rivedere, e questa non è una novità, soprattutto lì in avanti dove la mancanza di una punta di peso condiziona non poco l'efficacia della manovra. Lasagna e Balestrieri nel complesso hanno risposto alle attese, tuttavia severo è il giudizio del campo in questa prima fase di ritirro: servono chili e centimetri in attacco. L'ordine è chiaro, ampiamente condiviso da Capuano che non chiede di meglio. Cose egregie si sono viste soprattutto in mediana dove l'ordinato Caracciolo ha ispirato a dovere nel bel mezzo della cabina di regia. Discreto possesso di palla, buono il fraseggio in mezzo al campo coadiuvato dal lavoro, oscuro ed essenziale, di Berardi e Gentile. Esame superato nel complesso ma senza particolari encomi degli osservatori. Due a zero pratico, con una rete per tempo. De Giosa ringrazia il portiere avversario che manda maldestramente in rete un traversone dalla sinistra. Chiude il conto Esposito (foto) al 20' della ripresa dopo una gara accorta su entrambe le corsie esterne. È soddisfatto il tecnico Capuano che puntualmente ammette: «Abbiamo disputato un buon test contro una discreta squadra. Non siamo mai andati in sofferenza ed abbiamo avuto una buona fase di palleggio. Ho visto una discreta intesa anche in difesa. Sono abbastanza soddisfatto». Fin qui le cose buone, poi il tecnico ammette gli accorgimenti da fare: "La manovra è stata un po' leziosa ma credo non si potesse fare altro". In realtà il tecnico non si tira indietro sulle vere lacune di questa Paganese, lacune di natura strutturale: "Non abbiamo profondità perché in definitiva mancano attaccanti di peso. Questa è una lacuna strutturale che pensiamo di risolvere presto. Spero che arrivi qualcuno di importante". Un tassello importante per completare il mosaico. Gente di peso che possa garantire la profindità che ancora manca. Sempre la calda la pista Di Cosmo del Catania: l'argentino, dopo l'esaltante stagione con l'Igea Virtus, vuole ripetersi anche in C1. Pagani può essere la soluzione migliore per tutti. Sull'agenda della dirigenza altri nomi spuntano dopo Di Cosmo. Si segue Bonfiglio, qualche sondaggio anche per Cipolla della Pistoiese e Pintori del Lanciano.

Il Mattino

Ritratto di Nassim Mendil, nuovo attaccante della Paganese.



Attaccante di origini algerine, Mendil prima di approdare in Italia, e precisamente all'Avellino, ha militato nel settore giovanile del Bastia (Ligue 1 - serie A francese).

Con gli irpini ha disputato, in serie C1, il campionato 2000-01 collezionando 16 presenze e realizzando 5 reti. Nel mercato di riparazione, poi, il trasferimento, sempre in C1, al Lecco(8 presenze, 2 reti).

Nella stagione successiva è ingaggiato, in serie B, dal Cosenza di Mondonico; campionato in grande evidenza, (dieci realizzazioni in trenta gare), tant'è che è acquistato in serie A dalla Reggina.

L'anno seguente i calabresi lo cedono in prestito, sempre in serie B, prima al Catania (6 presenze), poi, da gennaio, all'Ascoli (11 presenze, 1 rete), tra le cui fila c'è anche Fabrizio Caracciolo.

Nella stagione 2003/04 passa, in C1, allo Spezia (26 presenze, 2 reti) mentre in quella successiva ritorna in Campania e questa volta con la Salernitana (17 presenze, 2 reti), società che lo preleva dalla Reggina, sua società di appartenenza. A gennaio, però, si trasferisce, in C2, all'Ancona dove vi rimane sino a giugno 2007; 20 presenze e 1 rete nella prima stagione, 26 presenze e 10 reti nella seconda.

Nel campionato appena terminato, invece, è ingaggiato dalla Pro Sesto con la quale disputa 25 gare, realizzando 6 reti una delle quali, il 2 febbraio scorso, alla Paganese.

Infine, una curiosità. Attualmente Nassim Mendil vive a Napoli, città di sua moglie.

Gianluca Russo - paganese.it

27.7.08

Con Mendil e Berardi più peso in attacco e più intelligenza tattica a centrocampo.

Così il nuovo acquisto Nassim Mendil ci castigò a Sesto San Giovanni.



Ecco qui sopra il filmato del gol segnato da Nassim Mendil contro la Paganese in Pro Sesto-Paganese del campionato scorso.

La partita finì poi 3-0 per i padroni di casa.

Qui sotto la foto che coglie l'attimo in cui Mendil stacca da terra per colpire la palla che andrà poi ad infilarsi alle spalle di Botticella.



Ecco come riportavano il gol di Mendil le cronache di quell'incontro:

"Ma al primo errore, la Pro Sesto colpisce con mirabile precisione: al 13' Laner ha tutto il tempo di destreggiarsi in area e pennellare un perfetto cross sulla testa di Mendil che, solo soletto (Lopez, dove sei?), insacca alle spalle dell'incolpevole Botticella. ".

E pensare che Mendil aveva già quasi firmato l'anno scorso per la Paganese.



Guardate qui cosa ho trovato:

http://forzapaganese.blogspot.com/2007/09/ecco-mendil-mi-ha-convinto-chiappini-da.html

La doppietta di Mendil in Crotone-Cosenza 0-2.



Ho scovato su Youtube questo filmato.

Campionato di Serie B Giornata n.14 del 25/11/2001.

Splendida doppietta del Franco Algerino Nassim Mendil.

Commento di Pierluigi Pardo.

Alcune foto di Nassim Mendil il nuovo attaccante di peso della Paganese che l'anno scorso ci castigò a Sesto San Giovanni.













Dall'alto in basso Mendil con le maglie di Pro Sesto (le prime due), Ancona, Salernitana, la maglia di Mendil quando era ad Ascoli e ancora Mendil contro la Paganese nella stagione scorsa.

Gran colpo di Cocchino: ingaggiato dalla Pro Sesto l'attaccante francese Nassim Mendil.



La Paganese Calcio 1926 srl comunica di aver ingaggiato l'attaccante francese Nassim Mendil nato a Rognac (Francia) il 27/03/1979.
Mendil nella sua carriera ha vestito in Italia le maglie di Cosenza, Catania, Ascoli e Salernitana in serie B e quelle di Avellino, Lecco, Spezia e Pro Sesto in C1. Lo scorso anno proprio con la maglia del Pro Sesto ha disputato 25 gare realizzando 6 reti una delle quali proprio contro la Paganese nella gara di ritorno a Sesto San Giovanni.

paganesecalcio.com

Amichevole: Paganese batte Deruta 2-0. Gol di De Giosa e A. Esposito.



Secondo test amichevole di preparazione per la Paganese che ha affrontato il Deruta, formazione neo promossa in serie D, a Preci. L’incontro ha sostituito il triangolare che gli azzurro stellati avrebbero dovuto disputare a Roccaporena contro la Salernitana e lo stesso Deruta.
Un violento nubifragio che si è abbattuto su Roccaporena ha impedito che le gare di 35 minuti ciascuna contro i granata e i dilettanti umbri potessero svolgersi regolarmente.
A quel punto i dirigenti azzurro stellati hanno contattato quelli del Deruta ed è stata organizzata una gara amichevole a tempo di record a Preci.

La Paganese ha dimostrato contro i diretti avversari di essere ancora appesantita nelle gambe a causa dei forti carichi di lavoro imposti dal tecnico Capuano e dal preparatore atletico Vetere.
Nonostante ciò gli azzurro stellati hanno disputato una gara volitiva dimostrando già una buona organizzazione in fase difensiva e nel gioco a centrocampo. Da rivedere ancora la manovra offensiva in fase terminale. Ovviamente si attendono ancora rinforzi per quanto riguarda il reparto d’attacco che dovrebbero arrivare nelle prossime settimane.

Le reti portano la firma di De Giosa (foto) che, nel primo tempo, ha approfittato di una disattenzione del portiere Del Gaudio che non è riuscito a trattenere un traversone dalla sinistra e di Antonio Esposito nella ripresa che ha beneficiato di una efficace ripartenza sulla fascia destra del campo.

IL TABELLINO

PAGANESE (1° tempo): Melillo, Imparato (32’ Chiavaro), Iraci, Caracciolo, De Giosa, Taccola, Esposito, Berardi, Balistreri, Lasagna, Gentile. All. Capuano

PAGANESE (2° tempo): Castelli (20' Maltese); Chiavaro, De Giosa (13’ Costanzo), Astarita; Esposito, Gentile, Caracciolo, Capodaglio, Iraci; Lasagna, De Rosa. All. Capuano

DERUTA: Del Gaudio, Ferreira, Nulli, Formetti, Proietti, Tempesta, Raggi, Ferinelli, Zuppardo, Berdini, Vispi. All. Schenardi

ARBITRO: Ferrarito di Terni

RETI: 30’ p.t De Giosa, 20’ s.t. Esposito

paganesecalcio.com

Intervista a Ivan Tisci : "A Pagani ritroverei tanti amici".



Centrocampista, nato a Genova il 22 marzo 1974, nell'ultima stagione ha militato in C1 con il Foggia. In passato ha vestito anche le maglie di Pescara, Avellino, Modena, Crotone.

Ivan, a che punto è la trattativa con la Paganese ?


"So che c'è un interessamento da parte della società, da parte dell'allenatore, ho detto che di queste cose devono parlare con il Foggia, con il mio procuratore, personalmente non ho problemi a valutarla perchè comunque lascio la porta aperta a un po' tutte le trattative in corso. So che ci stanno lavorando, vedremo nei prossimi giorni se ci saranno degli sviluppi. Adesso il mercato è molto fermo, so che c'è stato l'interessamento di altre squadre campane, del Sorrento, poi fuori anche della Ternana. Sai per adesso si fanno molte chiacchiere e pochi fatti quindi sinceramente valuto solo le cose concrete. L'interessamento della Paganese lo tengo in considerazione, ho parlato anche con l'allenatore del quale me ne ha parlato molto bene Rinaldi quindi vedremo nei prossimi giorni. Ho dato la mia disponibilità, è chiaro che adesso valuteranno sia il Foggia, sia la Paganese con il mio procuratore eventualmente per i dettagli. Può essere che si sblocchi in pochi giorni come è possibile che si debba aspettare un pochino, dipende tanto da questo mercato, ho dato la disponibilità adesso vedranno loro".

Sei arrivato a Foggia dopo quattro stagioni disputate in serie B. Cosa potrebbe significare per te il prossimo campionato dopo quello in chiaro - scuro appena terminato ?

"Guarda, io sono uno comunque sempre ambizioso e a cui piace mettersi sempre in discussione quindi nel momento in cui faccio una scelta, la faccio perchè ci credo al 100%. Se ci sarà l'occasione di sposare la causa della Paganese nel momento in cui dico di sì vuol dire che ci credo e lo farei anche perchè ho voglia di ancora far bene e perchè comunque vorrei togliermi ancora delle soddisfazioni, questo è poco ma sicuro. L'anno scorso a Foggia purtroppo è andata male nei Play Off ma siamo riusciti a raggiungere l'obiettivo finale quindi è chiaro che è sempre positivo, sempre bello, poter giocare e fare campionati da vertici. So che a Pagani stanno pian piano allestendo una squadra che può dire la sua, l'allenatore so che è bravo, ci sono parecchi giocatori che conosco quindi ci sono tanti punti su cui si può lavorare. Ecco questi sono i motivi per cui la tengo in considerazione".

A Pagani ritroveresti Castelli, Esposito, con te a Foggia lo scorso anno, e Caracciolo collega di reparto in B a Pescara nella stagione 2000-01...

"Infatti, è quello che ti ho detto prima. Ci sono Castelli, Esposito che sono stati a Foggia lo scorso anno e li conosco bene, c'è Caracciolo con il quale ci conosciamo da tantissimi anni e abbiamo giocato insieme a Pescara, con lo stesso Mirko Taccola siamo stati insieme un anno quindi avrei anche tanti amici. Questa è sicuramente una cosa in più, sarebbe ancora più facile l'inserimento. Con Caracciolo, che ho già sentito, ci conosciamo bene, abbiamo giocato già insieme quindi penso che ci possiamo integrare molto bene uno con l'altro"


Gianluca Russo - paganese.it

Il diario di bordo di Paganese.it

Risveglio muscolare e lavoro tattico sui calci piazzati nella seduta mattutina. Nel pomeriggio, invece, annullato il triangolare in programma per l'impraticabilità del terreno di gioco a causa di un violento nubifragio che si è abbattuto su Roccaporena, amichevole, a Preci, con il Deruta.
Due a zero, a favore degli azzurrostellati, il risultato finale con una rete per tempo; nella prima frazione è arrivata quella di De Giosa, nella ripresa quella di Esposito.
A riposo, oltre a Bombara e D'Andria, Mannone vittima di un lieve risentimento al polpaccio.

Gianluca Russo - paganese.it

Ufficiale: ingaggiati il centrocampista Berardi e i difensori Astarita e Chiavaro.

La Paganese Calcio 1926 S.r.l. comunica di aver ingaggiato il centrocampista Simone Berardi (Roma 30/10/1979) dal San Marino ed i difensori Salvatore Astarita (Napoli 19/02/1983) e Agatino Alessandro Chiavaro (Catania 07/11/1980). I tre calciatori hanno brillantemente superato un periodo di prova, pertanto sono già in ritiro, a disposizione del tecnico Capuano.

paganesecalcio.com

Annullato il triangolare con Salernitana e Deruta causa nubifragio.



E' stato annullato il triangolare, in programma oggi pomeriggio, tra Paganese, Salernitana e Deruta, a causa di un violento nubifragio che si è abbattuto su Roccaporena, rendendo il campo impraticabile. In alternativa la Paganese disputerà, sul campo di Preci, un'amichevole con il Deruta, formazione umbra neopromossa in Serie D, con inizio alle ore 17,00.

paganesecalcio.com

Speciale ritiro (da paganesecalcio.com).



Continua senza intoppi la preparazione della Paganese nel ritiro di Preci: stamattina i calciatori hanno sostenuto un' intensa seduta atletica a cui non ha partecipato il centrocampista D'Andria a causa di una infiammazione al ginocchio; successivamente si sono provati schemi e giocate su palle in attive. Oggi pomeriggio invece la seduta è stata dedicata interamente a tattica e schemi.

paganesecalcio.com

26.7.08

L'omaggio che mi hanno fatto gli autori di "Paganese che impresa".





Nel volumetto appena pubblicato "Paganese che impresa" (foto), c'è un pezzo di Peppe Nocera in cui si parla di me e della mia passione per la Paganese (foto).

Questa cosa mi riempie di orgoglio e di gioia. Finire in un libro che parla della Paganese è uno dei regali più belli che potevo ricevere.

Per questo voglio ringraziare di cuore tutti gli autori del volume ed in particolare Peppe Nocera, Nino e Barbara Ruggiero e Gianluca Russo.

Riporto la frase di Peppe Nocera che parla di me:

"...senza dimenticare l'ormai mitico Enrico Porro da Cernusco sul Naviglio. E' un tifoso particolare, questo Porro: folgorato più di trent'anni fa dalla maglia azzurra con la stella sul petto e dal suono del nome di questa squadra, Paganese, ne è divenuto un singolare tifoso. Lui, milanese purosangue da generazioni,, è puntualmente presente in tutte le trasferte senza disdegnare qualche gara clou al "Marcello Torre"."

Vecchie conoscenze: ecco i due Esposito nel ritiro del Gela.



Ecco Giovanni e Pasquale Esposito nel ritiro del Gela a Roccaraso.

Il presidente Trapani raggiunge la squadra nel ritiro di Preci. Domani il triangolare con Salernitana e Deruta.



Ieri sera il presidente Raffaele Trapani, accompagnato dal vice presidente Franco Marrazzo, ha raggiunto il ritiro di Preci.
Trapani si è trattenuto a lungo con il tecnico Capuano e con il direttore D'Eboli per fare il punto della situazione a metà del periodo di preparazione estiva.
Ovviamente si è parlato anche delle eventuali scelte di mercato da intraprendere, in particolar modo per quanto concerne il reparto offensivo al momento bisognoso di rinforzi.

Attesa anche per il triangolare di domani che vedrà la Paganese opposta in due tempi da 35 minuti alla Salernitana di Castori e alla squadra di serie D del Deruta.

paganesecalcio.com

25.7.08

Intervista al bomber Giovanni Cipolla: "Mi avrebbe fatto piacere tornare al sud".



Attaccante, nato a Napoli il 14 ottobre 1974, nell'ultima stagione ha militato in C1 prima con la Lucchese poi con la Pistoiese.

Giovanni, ci risentiamo a distanza di dieci giorni. Il contatto con la Paganese c'è stato ?

"Si, ho avuto dei contatti. La settimana scorsa ho parlato con un paio di persone della Paganese, immagino che hanno chiamato anche alla mia società però la Pistoiese non mi vuole cedere quindi non so come sia andata a finire. Sono quattro giorni che non sento più nessuno della Paganese e considerando che la Pistoiese non ha intenzione di cedermi immagino che la trattativa si sia arenata. In ogni caso, quando c'è l'interessamento di una squadra fa sempre piacere perchè vuol dire che qualcosa di buono hai fatto quindi mi ha fatto piacere che la Paganese mi abbia cercato"

In passato hai giocato sia da prima che da seconda punta. Quale la tua caratteristica ?

"Come hai detto tu, ho fatto in pratica tutte e due i ruoli, sia la prima che la seconda punta. A Grosseto ho giocato per tre anni come seconda punta. La mia caratteristica è la rapidità, quella importante è di saltare l'uomo e spesso mi riesce"

A inizio carriera hai giocato nella Turris, poi sempre al nord, negli ultimi tre anni precisamente in Toscana. Per un napoletano, quali sono gli stimoli che può dare una piazza del sud , rispetto ad una del nord ?

"Sicuramente lo stimolo che ti dà una piazza come Pagani è il pubblico, ho visto i Play Out c'erano sette- ottomila persone. Mi avrebbe fatto piacere tornare al sud anche perchè è tanto che ci non gioco. Però mai dire mai, aspettiamo, vediamo cosa succede"

Gianluca Russo - paganese.it

La Paganese è sulle tracce dell'attaccante Antenucci (Il Roma).

Il diario di bordo di paganese.it

Sotto l'occhio vigile del Professor Tevere, in mattinata, circuito prima in palestra, poi sul terreno di gioco. Sul finire lavoro di forza mirato al potenziamento. Nel pomeriggio, invece, il tecnico Capuano ha focalizzato l'attenzione sugli schemi tattici e in particolar modo sui calci piazzati sia a favore che a sfavore. Lavoro differenziato per Bombara e D'Andria, quest'ultimo vittima di un risentimento al ginocchio.

Gianluca Russo - paganese.it

Paganese, sì al triangolare di domenica. E dal Palermo arriva il giovane Balestrieri (Il Mattino).

ETTORE ROMANO Preci.Non ha il volto dei giorni migliori Ezio Capuano. Nonostante la soddisfazione per il lavoro che procede bene - escluso gli intoppi capitati a Lasagna e Bombara, alle prese con affaticamento muscolare e perciò impegnati in sedute differenziate - il tecnico della Paganese tradisce un pizzico di ansia dovuto alla mancanza di pedine in organico. Una lacuna che non gli ha suggerito, però, di declinare l'invito a partecipare domenica al previsto triangolare con Deruta e Salernitana: «Siamo contati, con tanti giovani ma garantiremo comunque la nostra presenza a Roccaporena anche se in un primo momento propendevamo verso il no. In attacco, poi, siamo decisamente messi male - continua Capuano - e ciò comincia a preoccuparmi, visto che fra quindici giorni abbiamo già la coppa Italia. In ogni caso la fiducia nel club e nell'operato del direttore D'Eboli rimane e rimarrà immutata, aspetto ancora fiducioso». E l'attesa di Capuano si è materializzata, ad ora di pranzo, nell'arrivo del giovane Balestrieri, cresciuto nel Palermo e reduce da un'annata con il Castelnuovo. Ma il botto potrebbe esplodere oggi con l'ingaggio di Andrea Pintori, ex Lanciano, una punta dimamica che piace a Capuano, con il quale D'Eboli ha raggiunto un accordo di massima. Oggi l'ex frentano potrebbe aggregarsi alla squadra cominciando a lavorare con il gruppo che si sta formando. Sempre in tema di mercato, Capuano non ha perso le speranze di arrivare a Soligo: il granata è ritenuto dal tecnico azzurrostellato un «calciatore di alto profilo morale e professionale, l'ideale per far girare con Caracciolo la squadra, capace di elevare subito il tasso tecnico e di esperienza della Paganese». Un contatto interlocutorio con Soligo c'è già stato, così come con Tisci e Cipolla, oltre al solito Di Cosmo. I prossimi saranno giorni decisivi. Intanto Ruiz, reduce da un infortunio muscolare, è tornato a Messina per curarsi in un centro specializzato e il suo ingaggio adesso è a rischio. Ormai certa anche l'esclusione di Maltese, Mannone e De Rosa. Ieri doppia seduta con ripetute sui 500 metri, corsi dieci volte e lavoro specifico sugli addominali. Di pomeriggio lunghissima seduta tattica e un allenamento di oltre due ore.

Il Mattino

24.7.08

Vecchie conoscenze: Bordeanu firma col Lanciano.



Il Lanciano ha chiuso per il portiere Georgean Liviu Bordeanu. Il calciatore, classe 1983, s'è svincolato dal Messina dopo il fallimento della società peloritana e sbarca a Lanciano dopo una buona stagione nella Pro Vasto. Il rumeno ha firmato un contratto biennale.

tuttomercatoweb.net

Intervista a Andrea Pintori : "Mi fa piacere l'interesse della Paganese".



Andrea Pintori, attaccante, nato a Nuoro il 9 ottobre 1980, nell'ultima stagione ha militato in C1 con il Lanciano.Nella foto indossa la maglia del Pisa, altra squadra nella quale ha militato.

Andrea, ci puoi confermare l'interesse della Paganese nei tuoi confronti ?

"So che c'è un interesse da parte della Paganese nei miei confronti però gestisce tutto il mio procuratore, quindi sa lui a che punto è, e come sta procedendo, il tutto. Bisognerà valutare anche le altre offerte, però mi fa veramente piacere di questo interesse della Paganese, è una società ambiziosa, me ne hanno parlato bene. Sono in attesa di sapere la mia destinazione, se sarà Pagani tanto di guadagnato, sono amico fraterno con Mimmo Marino e me ne ha parlato bene. Ripeto, a me fa solo piacere, quanto ti cerca una società sei onorato perchè vuol dire che hai fatto bene l'anno prima. Siamo al 24 luglio ancora non ho squadra però mi sto tenendo pronto per una eventuale chiamata. Aspettiamo l'evolversi della situazione"

Dopo le varie vicissitudini societarie a Lanciano e la retrocessione in C2, a livello personale, che anno può essere il prossimo?

"Per me ogni anno è una sfida con me stesso, devo sempre confermare le mie qualità e quello che ho fatto di buono l'anno passato. Sicuramente iniziando un nuovo anno avrò molti più stimoli, sono un ragazzo che non si tira mai indietro, sia dentro che fuori dal campo. Sono pronto, sarà una stagione importante come tutte le altre e darò il massimo come ho fatto con tutte le società nelle quali ho militato"

In passato hai giocato sia come esterno d'attacco sia dietro le punte. Quale è il tuo ruolo ideale e come ti collocheresti nel 3-5-2 di Capuano ?


"Il mio ruolo è l'esterno d'attacco, o destro o sinistro. Ho giocato anche da trequartista. Non ho mai trovato un allenatore che ha adottato questo modulo ma pur di giocare, pur di mettersi in mostra ci si adegua ad ogni modulo che il mister vuole adottare. Sicuramente il tecnico non si può basare su un calciatore ma su tutta la squadra quindi non è Pintori che deve stravolgere tutto, assolutamente. Sono pronto a qualsiasi tipo di modulo, le mie caratteristiche sono da esterno, però mi posso adeguare anche ad altri ruoli"

Gianluca Russo - paganese.it

Dal ritiro di Preci: Bombara e Lasagna recuperano.

Continua senza particolari problemi la preparazione della Paganese nel ritiro di Preci. Solo Lasagna e Bombara hanno svolto lavoro differenziato; domani i due dovrebbero rientrare nel gruppo per svolgere per intero il lavoro prefissato dal tecnico.

paganesecalcio.it

Il diario di bordo di paganese.it

In mattina esercizi di aerobica mirati al potenziamento; nel pomeriggio lavoro tecnico-tattico e partita a 'pressione'.
Hanno lavorato a parte Bombara e Lasagna; quest'ultimo però, da domani si riaggregherà al gruppo.

Gianluca Russo - paganese.it

Imparato, la scommessa difensiva di Capuano.



ETTORE ROMANO Preci.Tutta la vita in una felicissima intuizione: da eterna promessa alla ricerca di un'adeguata collocazione tattica (esterno destro basso a volte, tornante in molte altre circostanze) a stantuffo inamovibile della cerniera difensiva. Tutta la carriera in una mossa strategica operata nella passata stagione manco a dirlo dal prodigioso Ezio Capuano: Raffaele Imparato, uno dei tantissimi talenti coltivati dal vivaio della Salernitana, è adesso un calciatore completo, con un ruolo ben definito, indispensabile per gli equilibri difensivi della Paganese. Son lontani anni luce i tempi in cui veniva considerato un ibrido incompiuto tra terzino ed ala: ora ha una dimensione tutta sua, è uno dei perni della triade difensiva su cui poggia le basi il 3-5-2 del tecnico della Paganese. Cui Imparato deve tanto, se non addirittura tutto della sua improvvisa ed anche superba esplosione: «Lavorare con Capuano è un vero e proprio onore: è un allenatore che insegna calcio, capace di tirar fuori il massimo da qualsiasi giocatore». Di Imparato ha valorizzato la reattività e la capacità d'intervenire con anticipo sull'avversario: caratteristiche perfette per un centro-destra in una difesa a tre. «Sono cresciuto tantissimo in poco tempo: sia a livello comportamentale che tattico. La nuova posizione studiata dal tecnico esalta le mie qualità. Ora ho un solo obiettivo - confessa Imparato - ripagare la fiducia incondizionata che il tecnico ha riposto in me. Sono stato uno dei primi calciatori che ha contattato una volta ufficializzata la sua carica da allenatore della Paganese. E ne sono fiero: vuol dire che ha scommesso, anzi investito su di me». L'enorme stima di Capuano l'ha perfino aiutato a metabolizzare il divorzio con la Salernitana, con la società in cui è cresciuto e mosso i primi passi nel calcio professionistico: «Non rientravo più nei piani del sodalizio granata e, ad esser sincero, sono felice che abbiano deciso di rescindermi il contratto: così facendo mi hanno dato la possibilità di scegliere da solo il mio futuro e di sposare un progetto in cui credo tantissimo». Ha ventidue anni, ma lavora e parla già con la scioltezza di un veterano Raffaele Imparato, col carisma che soltanto i leader hanno nel proprio dna: «Sono giovane, vero, ma mi sento pronto per un'esperienza così importante. La piazza di Pagani esercita una pressione costante che io trasformo in stimoli per dare il massimo». Nelle gerarchie di Capuano ha un posto in prima fila: il terzetto titolare che il tecnico schiera quasi sempre durante le esercitazioni di tattica prevede Imparato, Taccola e De Giosa: «Due calciatori dotati di grande esperienza che potranno darmi una grossa mano». La retroguardia è sistemata (imminente l'ingaggio di Chiavaro, che s'allena col gruppo fin dal primo giorno di ritiro), il centrocampo lo sarà presto con Simone Berardi (ex San Marino) e con Soligo (Salernitana). Per l'attacco rispuntano le candidature di Cipolla (Pistoiese) e di Falomi (Arezzo).

Il Mattino

Forti dubbi sullo stato di salute del portiere Antonio Castelli.



Sarà valutata nelle prossime ore la posizione del portiere Antonio Castelli
la cui condizione fisica desta qualche preoccupazione allo staff societario azzurrostellato.

Ricordiamo che il calciatore nel febbraio scorso ha riportato la lesione parziale del tendine d'Achille della gamba destra.

Francesco Pepe - paganese.it

Nel ritiro di Preci arriva l'attaccante Pietro Balistreri e se ne vanno Maltese, De Rosa e Mannone.



Nuovo arrivo a Preci, quartier generale azzurrostellato. A rimpinguare il reparto avanzato è giunto l'attaccante centrale Pietro Balistreri,(foto) nato a Palermo il 14 gennaio 1986, di proprietà della formazione rosanero.

Con la società siciliana ha disputato il campionato Primavera nelle stagioni calcistiche 2002/03 e 2003/04 prima di essere aggregato, nel campionato 2004/05, alla prima squadra il cui reparto avanzato annoverava tra le sua fila Luca Toni.

Due sono le presenze in massima serie giocando in totale 51 minuti, nelle gare con Siena e Udinese, oltre ad un buon numero di panchine nei match contro Roma, Lecce, Bologna, Siena e Reggina.

Nella stagione 2005/06 il trasferimento prima in C1 al Pisa (14 presenze, 2 reti)da gennaio poi, in C2, al Melfi (15 presenze, 3 reti).

Nel campionato successivo veste, in C1, la maglia della Cremonese (11 presenze)e da gennaio, in C2, quella del Gela (9 presenze).

Nell'ultimo torneo, invece, ha militato in C2 nel Castelnuovo Garfagnana (25 presenze, 5 reti).

Lasceranno la Paganese, invece, il portiere Maltese (ritornerà al Sapri), il difensore Mannone e l'attaccante De Rosa.

Gianluca Russo - paganese.it

23.7.08

Lo sfogo di Guido Fiore, paganese di... Milano.



Ho ricevuto questa mail da Guido Fiore, un paganese doc che si è trasferito a Milano da molti anni ma che segue con la stessa passione di sempre la squadra azzurrostellata. Ho avuto modo di conoscere Guido e siamo diventati amici. Con lui ho partecipato alle trasferte di Monza, Lecco, Sesto San Giovanni e Busto Arsizio.
Nella foto siamo a Sesto San Giovanni.

Ecco il suo sfogo, che in parte condivido:

"Ciao Enrico, anche quest'anno ci tocca vivere un anno di passione.......
l'ultimo campionato abbiamo guadagnato gli spareggi all'ultima gara e ho la brutta sensazione che quest'anno lotteremo fino all'ultima giornata per evitarli.........

Il mio convincimento nasce dalle evidenti difficoltà del mercato, si parlava di una squadra al completo e a disposizione del tecnico già dalla data del ritiro (14/07/07).

In realtà sono trascorsi molti giorni da allora e purtroppo non manca solo uno o al massimo due elementi per il completamento della rosa, ne mancano parecchi.

Infatti nei giorni scorsi Capuano "su un giornale" aveva dichiarato che servivano almeno quattro o cinque elementi validi e di buon livello.

Questo per me è un segnale che Capuano lancia alla dirigenza azzurrostellata e visto che del tempo utile per la preparazione (soprattutto tattica), sono già trascorsi una decina di giorni non rimane molto tempo a disposizione per fare una buona preparazione e questo darà un alibi a Capuano se le cose dovessero andare male (siamo alle solite).

Avevamo l'allenatore da marzo cosa che molte altre società
non solo non avevano ma alcune erano anche in dubbio per l'iscrizione al campionato. Tutto ciò era un vantaggio sia sulla possibilità di scelte sia di poter concludere prima e al meglio gli acquisti.

Sono sfiduciato e preoccupato.....
Guido".

Caracciolo: l'esperienza a servizio del gruppo (intervista di paganesecalcio.com).



Fabrizio Caracciolo con i suoi 34 anni, insieme al nuovo arrivato Taccola, è di sicuro l'uomo più esperto attualmente in organico. Lo abbiamo contattato per conoscere le sue prime impressioni da calciatore della Paganese.

Fabrizio, un ritorno per te in Campania, dopo l'esperienza con la maglia della Salernitana. Cosa ti ha spinto ad accettare la proposta della Paganese ?


Sono state soprattutto le parole del Presidente Trapani, del Direttore D'Eboli e quelle del Tecnico Capuano a convincermi ad accettare la piazza di Pagani.
Sin dal primo momento ho capito che la Paganese stava mettendo su un programma serio e nello stesso tempo anche ambizioso. Ed io subito mi sono calato in questa realtà con molta umiltà cercando di dare il mio contributo come sempre.

Ormai lavorate da dieci giorni a Preci. Un giudizio su questa prima parte della preparazione estiva.

Il giudizio - continua Caracciolo - non può che essere positivo. Si lavora tanto sia sotto il profilo atletico, sia sotto l'aspetto tattico. Abbiamo una squadra giovane che ha tanta voglia di fare. Ovviamente l'organico va completato in quanto numericamente siamo pochi, ma so benissimo che la Società, il direttore si stanno muovendo per colmare questa lacuna e attendiamo qualche altro compagno al più presto che ci possa dare una mano.

Con chi dei nuovi compagni hai legato in modo particolare ?

Devo dire un pò con tutti. Conoscevo già Taccola e De Giosa; tuttavia, devo dire che mi sono trovato subito a mio agio con tutti i ragazzi della rosa. Voglio fare una lode anche all'organizzazione della Paganese. Anche lo staff medico è davvero ben attrezzato e di prim ordine.

Alla luce della tua esperienza meglio affrontare il girone settentrionale o quello meridionale ?


Diciamo che al sud si possono trovare difficoltà maggiori dal punto di vista ambientale oltre a quelle tecniche. Al nord di sicuro le gare si giocano più sotto l'aspetto tecnico che su quello agonistico. Io però, al di là del girone in cui giocheremo, spero che il nostro pubblico al "Marcello Torre" possa spingerci al massimo. Il pubblico di Pagani sarà sicuramente in nostro dodicesimo calciatore.

La Lega Pro ha deciso di inserire più giovani all'interno di ogni singola squadra. Sei d'accordo con questa nuova normativa ?

Francamente no in quanto si toglie la possibilità a tanti calciatori di trovare una sistemazione in una squadra, mentre le società sono quasi costrette a raggranellare calciatori giovani da inserire in organico.
Io dico - conclude Caracciolo - che se un giovane è bravo gioca indipendentemente dall'età. I giovani validi trovano spazio subito.

La chiacchierata termina qui. L'allenamento è da poco terminato. Domani un altro duro giorno di lavoro attende gli azzurrostellati. Per Caracciolo e compagni è già ora di cena.

Intervista e foto di paganesecalcio.com

Il diario di bordo di paganese.it

La seduta mattutina ha previsto esercizi di aerobica e lavori sulle distanze mirate all'intensità. Previsti, inoltre, percorsi in salita sugli ottanta metri.
Nella seduta pomeridiana, invece, circuito con palla in velocità e lavoro tecnico - tattico su situazioni di gioco in fase difensiva, offensiva e di pressione. Infine, partitella in famiglia con due tempi da dieci minuti ciascuno.
Per Bombara e Capodaglio, invece, lavoro differenziato in mattinata, piscina nel pomeriggio.

Gianluca Russo - paganese.it

Nuove foto dal ritiro di Preci.









Dall'alto: Castelli, Antonio Esposito, Capodaglio e D'Andria.

Le foto sono di paganesecalcio.com

Settore giovanile.

E' stato definito dai responsabili del settore giovanile Alberto Monetta e Saverio Curcio il programma di preparazione precampionato delle formazioni "Berretti" e "Allievi Nazionali".

I giovani azzurrostellati, dopo aver sostenuto le visite mediche a Pagani, si ritroveranno dal 25 al 31 Agosto a Vinchiaturo in provincia di Campobasso per sostenere la preparazione estiva.
La squadra "Berretti" sarà allenata quest'anno da Giuseppe Bevilacqua, lo scorso anno allenatore degli Allievi alla Juve Stabia, mentre gli "Allievi" saranno diretti da Antonio Ruggiero che ha già lavorato in passato alla Cavese. Entrambi le squadre saranno seguite dal prof. Salvatore D'Andrea che curerà la parte atletica.

paganesecalcio.com

D'Eboli continua a sondare il mercato.



Continua a lavorare alacremente il direttore Cosimo D'Eboli nell'intento di completare la rosa a disposizione di mister Capuano.
Dopo aver fatto salire in ritiro il centrocampista Simone Berardi lo scorso anno al San Marino, la cui posizione dovrebbe essere definita entro la fine di questa settimana, in attesa dei colpi finali di mercato, domani si aggiungerà al gruppo il giovane attaccante Pietro Balestrieri, classe '86.

paganesecalcio.com