30.6.07

Voci di mercato: l'attaccante Tarallo del Padova vicino alla Paganese (da Il Mattino).

Pagani.Definita la guida tecnica con l'ingaggio di Cosco, per lui contratto biennale, in casa paganese si stanno stringendo i tempi per portare a termine quelle operazioni che permetterebbero il completamento della rosa. Lo staff di mercato azzurrostellato in questi giorni è alle prese con il rinnovo dei contratti di quei calciatori che sono a scadenza e che rientrano nei piani societari anche per il prossimo campionato di C1. Il portiere Petrocco è vicinissimo all'accordo per restare un altro anno a Pagani. L'atleta, che in quest'annata è ritornato su altissimi livelli dopo il grave infortunio patito due anni, sarà uno dei punti fermi della prossima Paganese. Resteranno a Pagani anche i difensori Esposito e Fumai mentre da valutare la questione Di Napoli. L'atleta, che potrà essere disponibile sono tra qualche mese dopo l'intervento al ginocchio, piace all'Aversa Normanna e potrebbe essere ceduto alla formazione casertana. Lascia la Paganese il capitano De Sanzo che non ha trovato ieri l'accordo economico. Per lui ci sarebbe l'interessamento del Castrovillari, squadra della sua città. D'Eboli, per rinforzare il reparto difensivo, ha chiesto Sportillo alla Cavese. I buoni rapporti tra le due società, che hanno già avuto collaborazioni in passato, potrebbero far andare in porto l’operazione a inizio settimana. Con Sportillo, dalla Cavese, potrebbe giungere a Pagani pure il centrocampista Cerchia. Rapporti intensi anche con il direttore della Salernitana Fabiani che dovrebbe far approdare Coppini alla corte di Cosco. Più complicata la situazione Pisani. Il calciatore, che sembrava dovesse vestire la casacca della Paganese il prossimo anno, sta per accordarsi con la Scafatese di mister Novelli. Con Pisani destinazione Scafati c'è il centrocampista Cammarota, altro fedelissimo dell'ex tecnico dei granata. Uno tra Colussi e Magliocco alla fine vestirà l'azzurro della Paganese. Per il primo c'è da battere la concorrenza della Scafatese mentre per il secondo c'è la Massese di mister Capuano che è disposta a svenarsi per portare l'attaccante in Toscana. Già definita la trattativa per il passaggio del giovane portiere granata Valerio Visconti. L'estremo difensore sarà il dodicesimo di Petrocco dopo la partenza di Cilumbriello. Il neo tecnico, Cosco, insiste per avere qualche suo fedelissimo. Il centrocampista Marinucci del Palermo avrebbe dato il suo assenso al trasferimento in Campania ma si punta anche su Pagana e l'attaccante Innocenti che tutti danno già al Marcianise ma la trattativa non è stata ancora chiusa ufficialmente. Del Napoli piacciono il giovane Vitale ed il difensore Lacrimini. Su Vitale c'è anche la Cavese visto che il calciatore è un vecchio pallino di Dionisio mentre per Lacrimini si dovrà cercare di convincerlo a scendere di categoria. Per l'attacco si stanno stringendo i tempi per Gianni Califano. Mentre manca solo l'accordo con il calciatore per vedere il prossimo anno a Pagani il ventiseienne attaccante Tarallo del Padova.

RAFFAELE CONSIGLIO

29.6.07

Un capitano, c'è solo un capitano!


Ho avuto la fortuna di conoscere personalmente Fabio De Sanzo nel ritiro di Reggio Emilia (partita di campionato) dove ebbi con lui una intensissima conversazione su calcio e altre cose. Mi colpì l'uomo De Sanzo, prima che il giocatore. Gli raccontai la mia particolare storia di tifoso fuori dall comune e lui mi rispose che per me aveva in serbo un desiderio: la serie C1. E così è stato. Ciao Fabio, non conosco il motivo per il quale non sarai più tra noi e non voglio conoscerlo. So solamente, però, che lascerai una voragine nel cuore dei tifosi paganesi. Ti voglio bene.

Cosco: le mie squadre hanno carattere e ambizione (da Il Mattino)

Pagani.Vincenzo Cosco ieri ha firmato un biennale e si è legato ufficialmente alla Paganese. Molisano di 41 anni Cosco nella sua carriera ha centrato diverse promozioni con Bojano, Termoli, Pro Vasto e Val di Sangro. Queste le prime parole del neo tecnico azzurrostellato. «Sono contento di essere arrivato alla Paganese. Allenare a Pagani è una bella sfida ed è piazza ambita da molti allenatori anche più navigati di me. Questa società ha programmi ambiziosi ed anche io ho tante ambizioni. Appena ho ricevuto la chiamata del direttore D'Eboli non ci ho pensato su due volte ed ho accettato di buon grado. Ho dovuto risolvere il contratto con il Val di Sangro ma alla fine tutto si è risolto positivamente». Cosco parla anche di come sarà la sua nuova Paganese. «Le mie squadre giocano il 4-4-2 ma all'occorrenza si adattano bene agli avversari. Quello che caratterizza le mie squadre è la determinazione e la voglia di lottare. Rispecchiano fedelmente il mio carattere e per me è importante trasmettere queste cose. Inoltre mi piace dare una impronta netta di gioco. Sono convinto che io e la Paganese faremo bene». Deciso più che mai Cosco ha subito fatto capire che anche quest'anno i programmi sono ambiziosi. Sul fronte mercato il direttore generale D'Eboli ha bloccato il giovane portiere della Salernitana Visconti su cui si dice un gran bene. Petrocco è ad un passo dalla riconferma mentre Cilumbriello seguirà Palumbo nella sua nuova avventura. Molte le trattative intavolate. Per la difesa si sta puntando su Sportillo della Cavese. L'atleta è ormai ad un passo dal vestire la casacca della Paganese. Di Napoli intanto piace all'Aversa Normanna. De Sanzo resterà un altro anno con la Paganese mentre potrebbero essere ceduti in prestito Risi e Caponigro. Per il centrocampo piace Marinucci Palermo del Val di Sangro. Cosco vorrebbe portarlo con se a Pagani. Dal Val di Sangro potrebbero arrivare anche il centrocampista Pagana e l'attaccante Innocenti che non ha ancora raggiunto l'accordo con il Marcianise dell'ex Giacomarro. Questione attaccanti. Piacciono Magliocco e Colussi della Salernitana. Per il primo bisogna battere la concorrenza della Massese e la voglia dell'atleta di vestire ancora il granata mentre Colussi richiesto anche dalla Scafatese del duo Novelli - Giordano alla fine dovrebbe optare per gli azzurrostellati. Sempre in piedi la trattativa con Gianni Califano. L'atleta potrebbe accettare le avance del presidente Trapani e giocare gli ultimi anni della sua carriera con la maglia della squadra della sua città. Quasi fatta per l'attaccante Tarallo del Padova.

RAFFAELE CONSIGLIO

La Paganese disturba il Sorrento per Colussi (www.resport.it)

Anche la Paganese vuole l’attaccante Roberto Colussi della Salernitana. Il club, attraverso il suo direttore generale Cosimo d’Eboli, ha effettuato un sondaggio con i granata che hanno avuto anche una proposta da parte del Sorrento.

E' divorzio tra Paganese e De Sanzo (calciocampania.com)


Fabio De Sanzo può considerarsi un ex calciatore della Paganese. Il difensore centrale non avrebbe infatti trovato l'accordo economico per il prolungamento del contratto.

La promozione in C1 raccontata dai tifosi paganesi. Il racconto di DRAGON.



Continuiamo la pubblicazione dei racconti dei forumisti del sito paganese.it relativi alle emozioni provate dopo i gol di Izzo e di Ibekwe durante la finalissima con la Reggiana.

Ecco il racconto di DRAGON.

Chi ha rinunciato ormai a cantare,chi ha abbandonando la gradinata,chi in campo invece continua a crederc1 e qualquno nel frattempo ha messo un cross in mezzo di prima!!! In quel preciso momento si fermano i respiri degli spettatori,il battito aumenta,gli occhi sono puntati tutti su quel maledetto pallone.
Quel pallone dei sogni arriva in mezzo dove qualcuno con un volo di testa lo mette nella mischia!! Ad un tratto sento grida che provegono dall'alto,io e i miei amici ancora non capiamo come del resto anche tutti i ragazzi vicino a noi,fino a quando non vediamo che la tribuna sta per cadere e i nostri gladiatori corrono verso i distinti, verso coloro che li hanno sempre sostenuti! Allora capisco che è vero.ABBIAMO FATTO GOAL! Crying or Very sad,vengo sommerso da gente ke scende dai gradoni piu alti, tutti diretti verso la recinzione,tutti vorrebbero già abbracciare gli EROI!
Scendo d'impulso e mi dirigo anche io verso la recinzione,qualche ragazzino già ha scavalcato ed altri vengono trattenuti dalla security! Vedo negli occhi dei giocatori una gioia immensa! Ritorno in gradinata dove dopo essere stato sommerso da abbracci di gente sconosciuta,noto in giro molte persone che piangono ed altre per terra incredule di quello che è successo! Il tempo scorre velocemente e tra un coro e l'altro,l'aquila nigeriana porta a 3 il suo bottino play-off!

FINALEMENTE C1 SIAMO!

Aspettando il triplice fischio arriva l'idrante, e i continui appelli della security a non invadere! Tutto invano, al fiskio finale già stiamo tutti sui ferri! C1 buttiamo in campo e corro verso la bandierina del calcio d'angolo, la prendo e vado a centrocampo a festeggiare con tutta PAGANI!
Questo è il riassunto dei 30 minuti calcistici + intensi e + belli vissuti fin d'ora da me! Sperando di poterli vivere ancora altre infinite volte.

DRAGON (dal forum di paganese.it)

Cosco il guerriero: "Non mi piace perdere" (da Cronache del Mezzogiorno)

28.6.07

Cosco e Cocchino, portateci in serie B !!!


E' un Vincenzo Cosco entusiasta quello incontrato in occasione del primo giorno da azzurrostellato : "Sono felice e lusingato dell'opportunità che mi è stata concessa, voglio esprimere la massima riconoscenza al Presidente Trapani ed al Direttore D'Eboli per avermi proposto di allenare la Paganese; una società efficiente e molto organizzata, circondata da una piazza ed una tifoseria appassionata ed esigente".

Un tecnico giovane ma con già tanti campionati vinti alle spalle, che Paganese sarà quella che si appresta ad affrontare il prossimo campionato di C1? "La mia sarà una squadra combattiva, energica, con alla base una grande organizzazione di gioco; rispecchierà la mia serietà, l'impegno e la professionalità".

Nei prossimi giorni il nuovo tecnico sarà presentato ufficialmente alla stampa ed ai tifosi.

Raffaele Trapani chiede ufficialmente di essere inserito nel girone A


La Paganese sta perfezionando i numerosi adempimenti in calendario per l’iscrizione al prossimo campionato di serie C1. Non è l’unica società che si sta dando da fare per completare le tante incombenze previste dalle norme federali.

Si tratta - come Calciopress ha precisato in un altro articolo di approfondimento - di scadenze perentorie che, se non rispettate, daranno luogo a penalizzazioni da scontare nel prossimo campionato.

Ovvio che il presidente Trapani si stia impegnando a fondo in questa direzione. Ha rinnovato infatti la fideiussione necessaria per ottenere il via libera dalla Figc.

Tuttavia la società campana non trascura altri aspetti organizzativi, per preparare al meglio la prossima stagione agonistica.

In particolare il presidente Trapani avrebbe richiesto alla Lega di serie C di inserire la Paganese nel girone A. Ciò allo scopo di evitare incontri ravvicinati del terzo tipo con società corregionali.

Ecco che, per il presidente Macalli, comincia il solito accerchiamento che si ripete ogni estate. Vedremo come saprà cavarsela quest’anno la Lega di Firenze.

La promozione in C1 raccontata dai tifosi paganesi. Il racconto di MCMLXXXIV.


Continuiamo la pubblicazione dei racconti dei forumisti del sito paganese.it relativi alle emozioni provate dopo i gol di Izzo e di Ibekwe durante la finalissima con la Reggiana.

Le mie emozioni sono state tantissime perchè questi momenti magici della Paganese me li sentivo sempre raccontare dai miei familiari che hanno vissuto gli anni magici della Paganese i derby con la Nocerina i grandi successi in C1 il torneo anglo-sassone e ora quella domenica 17/06/2007 mi venivano in mente tutti quei racconti e pensavo adesso li sto vivendo anche io e un giorno potrò raccontare ai miei figli quello che hanno raccontato a me i miei familiari.
La gioia sul gol di Izzo è indescrivibile: un solo urlo liberatorio GOOOOOL racchiudeva tutte le emozioni che si provavano in quel momento.
Si pensava è fatta ormai, il sogno C1 sta diventando realtà, momenti di sofferenza fino al 93' dove nessuno ci credeva piu ma tutti i nostri sforzi sono stati ripagati.
La conferma che il sogno si avverasse è arrivata nei primi minuti del primo tempo supplementare quando un azione di Scarpa finalizzata da Ibekwe ci ha fatto capire che la C1 ormai era fatta e si aspettava solo con ansia il triplice fischio per dire " E' FINITA SIAMO IN SERIE C1" dopo anni bui nei campionati di eccellenza dove però non abbiamo mai smesso di sostenere la nostra magica stella e oggi come allora: FIERI DI ESSERE PAGANESI!

MCMLXXXIV (dal forum di paganese.it)

Cosco nuovo allenatore, oggi la firma sul contratto


Pagani. E' il giorno di Vincenzo Cosco (foto). L'ex trainer del Val di Sangro è riuscito ad avere la risoluzione del contratto e stamani si legherà ufficialmente alla Paganese. Cosco da alcuni anni è considerato tra i tecnici giovani più promettenti. Dopo aver portato il Val di Sangro tra i professionisti quest'anno non ha centrato per un punto l'accesso ai play off promozione. Il direttore generale Cosimo D'Eboli lo ha seguito per molto tempo ed appena se n’è presentata l’occasione gli ha offerto di allenare in C1. Cosco porterà dalla sua ex squadra qualche suo fedelissimo ma soprattutto qualche elemento che anche in C1 può fare la differenza. Si parla con insistenza del centrocampista Pagana e dell'attaccante Innocenti ma non è da escludere l'arrivo di qualche altro elemento che lo scorso anno ha vestito la casacca del club biancorosso guidato dal presidente Pellegrini. Subito dopo aver messo nero su bianco con Cosco si inizierà a definire alcune trattative già messe in atto. Della passata stagione saranno otto gli elementi che verranno confermati e su loro si andrà a costruire il nuovo team. Per quel che concerne la difesa bisogna capire le reali intenzioni del portiere Petrocco. Se l'atleta deciderà di andare altrove ci potrebbe essere il ritorno di Gigi Mennella tra i pali. Mennella però è inseguito anche dalla Vigor Lamezia e dalla Cavese. In alternativa c'è Prisco della Salernitana. Sempre per il reparto difensivo sembra ormai fatta per Pietro Sportillo della Cavese. Il calciatore, in rotta di collisione con il club metelliano, dopo l'arrivo di Geraldi e le conferme di Cipriani e Farina, dovrebbe scegliere Pagani per riscattare la sua annata poco brillante. Dalla Cavese potrebbe arrivare anche il centrocampista Cerchia. In uscita per il reparto difensivo da valutare le posizioni di Risi, Di Napoli e De Sanzo. Più difficile del previsto arrivare a Lacrimini del Napoli che ha diverse richieste anche da club di serie B. Con il club partenopeo D'Eboli ha intavolato una trattativa con il giovane centrocampista Vitale ma anche in questo caso bisogna battere la concorrenza di altri club su tutti la Cavese del patron Della Monica. Per l'attacco confermata la comproprietà con la Cavese per Ibekwe e sistemato l'accordo con Scarpa si punta su Magliocco, Colussi, Tarallo e Califano. Per Magliocco, il cui ingaggio sembra essere troppo elevato, c'è il pressing della Massese di Ezio Capuano. Tarallo invece potrebbe essere la spalla ideale per Califano.

Raffaele Consiglio - Il Mattino

27.6.07

Vincenzo Cosco: il "cannibale" della serie D.

Oggi Vincenzo Cosco arriva a Pagani per la firma (da Il Roma)

Petrocco tentenna, bloccato il portiere della Salernitana Prisco


Pagani. Si stringe il cerchio e tra ventiquattro ore dovrebbe essere ufficializzato il nuovo tecnico della Paganese. Abbandonate le piste che portano a Cari, Domenicali, Bonetti, Allegri e Sanderra, l'identikit del nuovo tecnico azzurrostellato è quello di Vincenzo Cosco del Val di Sangro. Il giovane trainer molisano, che dovrebbe portare con sè anche l'attaccante Innocenti ed il centrocampista Pagana, avrebbe già raggiunto un accordo di massima con il club azzurrostellato ed aspetta solo di avere il lasciapassare dalla dirigenza sangrina con cui ha ancora un altro anno di contratto. L'operazione potrebbe sbloccarsi nella giornata di oggi od al massimo in quella di domani. A Pagani c'è ottimismo circa la definizione in positivo della trattativa ma se Cosco, alla fine, non dovesse liberarsi dal club di patron Pellegrini, D'Eboli opterebbe per Andrea Pensabene ex tecnico di Gela e Martina. Pensabene, siciliano doc, è da sempre grande amico del direttore azzurrostellato. Ha sempre espresso grande apprezzamento per la piazza di Pagani. Già lo scorso anno Pensabene era in procinto di allenare la Paganese ma poi alla fine le scelte caddero su Pino Palumbo. Sul fronte mercato c'è da registrare l'accordo con i difensori Fumai ed Esposito, con i centrocampisti Serrapica, Izzo e Scarpa e l'attaccante Ibekwe. Nelle prossime ore dovrebbero legarsi ancora per un altro anno alla Paganese i difensori Di Napoli e De Sanzo. Questione portiere, Petrocco non ha ancora deciso sul suo futuro ma la compagine azzurrostellata ha dato un termine all'estremo difensore che al massimo entro la fine della settimana dovrà far conoscere la sua decisione. D'Eboli non vuole farsi trovare impreparato ed ha bloccato l'estremo difensore della Salernitana Prisco (a lato) ma piace anche Mennella del Sorrento. Visti i buoni rapporti con la Salernitana a Pagani dovrebbero arrivare alcuni elementi. Il primo potrebbe essere l'attaccante Colussi che non rientra più nei piani del club granata. D'Eboli punta anche su Magliocco ma in questo caso bisogna risolvere i costi elevati dell'ingaggio dell'attaccante sulle cui tracce c'è anche la Massese di Eziolino Capuano. Non è da escludere che la Salernitana possa venire incontro alla compagine azzurrostellata sobbarcandosi la metà dell'ingaggio del calciatore. In alternativa c'è Tarallo del Padova. In città impazza radiomercato. Lacrimini del Napoli, Coppini della Salernitana, Ardemagni e Di Gennaro del Milan, Califano del Gallipoli e Porpora della Vigor Lamezia sono i nomi più gettonati. Intanto il presidente Trapani martedì è stato a Firenze per l'iscrizione al campionato.

Raffaele Consiglio - Il Mattino

Forza, passione e impegno quotidiano per la squadra: ecco chi è Vincenzo Cosco.


Vincenzo Cosco ha superato in maniera brillante il corso a Coverciano, e col nuovo patentino in tasca è partito per Frosolone dove è al lavoro con la Val di Sangro per la nuova ed entusiasmante stagione in C2.
Nella sua Santa Croce di Magliano sono tutti davvero felici ed emozionati per il mister che nei giorni di Coverciano si è fatto conoscere per le sue doti umane e tecniche, per la sua infinita applicazione, per il suo coraggio e la sua forza. Romeo Benetti, responsabile del corso e leggenda del calcio italiano, ha speso parole di stima nei suoi confronti e ne ha rimarcato le doti in presenza di gente come Di Canio, Ravanelli, Sebastiano Rossi, Abel Balbo, Venturin, Costacurta, Marchigiani e tanti altri professionisti della serie A. Noi che lo conosciamo dai tempi delle medie sappiamo che tutto quello che Benetti ha visto, Vincenzo Cosco lo ha conquistato tra queste strade e sui campi in terra battuta della provincia del mondo.
Nel sudore quotidiano e nella voglia grande di raggiungere un sogno, una possibilità. La forza della passione e il quotidiano impegno ne hanno fatto un esempio per quanti, in qualsiasi campo, vogliono arrivare e raggiungere obiettivi.
Qui, dove vedere un film è quasi un'odissea, Cosco è riuscito laddove a Roma o Milano sembra niente. Padre autista e madre casalinga, hanno sempre creduto nelle qualità di un figlio che nei giorni di Natale sfidava vento e neve e si allenava solo al campo. E poi preparava la partita come nessuno. I sogni costano. Soprattutto quando sono stati raggiunti. E per difenderli occorre sfidare tutto. Nella vita ha dovuto lottare contro misteri e dolori, ma è sempre riuscito a vincere per quella sua incredibile voglia di vivere e superarsi. Così è stato a Coverciano e così sarà il futuro.
a Santa Croce di Magliano a Coverciano il passo è lungo, ma a lui è sembrato breve. E ha sempre rimarcato l'importanza di nascere qui, tra questa gente, dove il niente sembra tutto e dove è difficile volare. Confrontarsi con gente che ha vinto Coppe dei Campioni e campionati, ha fatto fortuna all'estero non gli è costato molto. Sembrava esserci nato lì, ma nei suoi discorsi, nella sua voglia di raccontarsi e farsi apprezzare, queste colline e queste pietre hanno un valore fondamentale.
E mentre dirigeva una partita (prova tecnica) ripensava a quello che diceva al ragazzino alle prime armi, a quel ragazzino di San Paolo Civitate che, accompagnato dal padre custodiva sogni di seria A e ala destra nel Foggia di Zeman.
Ciò che siamo stati e ciò che abbiamo vissuto te "lo porti' in ogni angolo di mondo, in ogni latitudine in cui ci toccherà vivere.
E Vincenzo Cosco, in una giornata di riposo, ci ha confidato che ha dimenticato molte esperienze della sua vita calcistica ma i primi calci e i primi discorsi negli spogliatoi sgangherati di provincia non li dimenticherà mai. E' quella la sua vita. E mentre parlava a Benetti o Di Canio gli tornava in mente il suo passato, a quanti sacrifici per raggiungere quel corso e grazie alla sua vita ha potuto ottenere cose che sembravano impossibili.
Perchè di sogni e desideri si vive. Chi non lo fa sopravvive, magari anche bene, ma manca sempre qualcosa. E poi un desiderio se realizzato non è più un desiderio, e abbiamo bisogno di altri per respirare ancora. Se mai dovesse raggiungere San Siro o l'Olimpico, prima del fischio non mancherà da parte sua un saluto alla sua terra, senza la quale non sarebbe stato quello che è diventato. Senza smettere di sognare mai. In bocca al lupo.

Pasquale Licursi (Oggi Nuovo Molise)

E' ufficiale: Vincenzo Cosco è il nuovo allenatore della Paganese (da Cronache del Mezzogiorno).

Domani Vincenzo Cosco sarà a Pagani per incontrare i dirigenti azzurrostellati e per decidere lo staff tecnico.

Ringrazio infinitamente Barbara Ruggiero di Cronache del Mezzogiorno per la gentile collaborazione.

UNITI SI VINCE. GRAZIE A TUTTI! lettera di Raffaele Trapani.



Ce l'abbiamo fatta. Tutti insieme. Ancora una volta. Cari amici, comincio dai ringraziamenti, per essere stati vicini al progetto Paganese, per aver assecondato le nostre scelte, continuando ad incitarci sempre senza dare troppo pressioni. La nostra è una storia iniziata qualche anno fa ormai e, dopo una fase di rodaggio, sta percorrendo sentieri inattesi e sconosciuti di grande splendore. Siamo in serie C1. Non posso dire di averci creduto, ma soltanto di aver messo sempre in primo piano un concetto: uniti si nasce.
La speranza di far bene c'è sempre stata, in cuor mio auspicavo il raggiungimento di un traguardo importante. Sapete che sono un ambizioso di natura. Senza ombra dismentita. E alla fine siamo andati oltre ogni rosea aspettativa. Ho sempre rimarcato che fino a quando sarò io a guidare questo sodalizio, non ci saranno mai fallimenti e avremo sempre la forza per fare il nostro dovere e giocarci il campionato che ci spetta.
Torno alla splendida vittoria di quest'anno e alla successiva festa per le strade cittadine di Pagani. All'inizio della stagione avevamo pensato di creare una squadra completamente nuova, con un tecnico nuovo e con la conferma di tanti dirigenti che restano dietro le quinte ma che sono determinanti per il buon funzionamento del giocattolo azzurrostellato. Avevamo messo in preventivo una fase di ''conoscenza'', con la possibilità anche di soffrire rispetto a qualche altra squadra. Invece il gruppo è stato bravissimo ad amalgamarsi prima del dovuto, forgiato dall'ottimo Cocchino D'Eboli econ la sapiente regia di mister Palumbo. E' stato un susseguirsi di emozioni. Un crescendo di situazioni positive. Man mano che passavano le giornate, mi sono reso conto che si poteva fare qualcosina in più della semplice salvezza.
A dicembre, con l'ingresso in pianta stabile di Scarpa, e a gennaio, con l'arrivo di qualche elemento in più da aggiungere alla rosa, abbiamo cominciato a macinare punti. Speravo che il ''Torre'' diventasse il fortino inespugnabile che ero abituato a sognare. Così è stato.
Quando siamo entrati nei play-off, l'ho detto a chiare lettere che non avremmo partecipato per fare le controfigure, ma che avremmo tentato di vincere. Degli spareggi mi resterà indelebile nella memoria, la bellissima trasferta di Ferrara.
La paura per la sconfitta di Reggio Emilia e il riscatto davanti ai nostri tifosi, quando ormai nessuno più sperava in un felice epilogo della finale.
Sono sensazioni uniche ed altre, sono convinto, ne vivremo insieme anche nel nuovo campionato di serie C1.

Raffaele Trapani - Presidente della Paganese

Contatto col Padova per l'attaccante Michele Tarallo


Secondo Il Corriere dello Sport la Paganese ha avviato una trattativa con il Padova per l'attaccante Michele Tarallo. Tarallo, nativo di Nocera, ha giocato anche nal Bari e nel Genoa.

26.6.07

Totoallenatore: le indiscrezioni di Raffaele Consiglio de Il Mattino.

Dal forum ufficiale della Paganese abbiamo ricavato alcune indiscrezioni (da ritenersi molto attendibili) circa il nuovo allenatore azzurrostellato, fornite dal giornalista che su Il Mattino si occupa della Paganese, Raffaele Consiglio.

Ecco cosa dice Raffaele:

Cari: mai contattato dalla Paganese

Galderisi: mai contattato dalla Paganese

Brini: mai contattato dalla Paganese

Novelli: mai contattato dalla Paganese

Sanderra: mai contattato dalla Paganese

Cosco: se il Val di Sangro lo libera diventa il nuovo allenatore.

Pensabene: e' grande amico di D'Eboli ma richieste ufficiali non ne ha avute anche se mi ha detto che verrebbe a piedi a Pagani anche perche' lo scorso anno doveva essere lui a sedere sulla panchina prima di Pino Palumbo.

Detto questo la scelta al momento è tra Cosco e Pensabene.

Se Cosco non si libera dovrebbe arrivare Pensabene.

Fotocronaca di una domenica indimenticabile.

Finalmente sono riuscito a selezionare le foto più belle di una domenica memorabile: quella che ci ha visto approdare in serie C1 battendo la Reggiana al Marcello Torre.

Dall'aereo che mi ha portato a Napoli a quello che mi ha riportato a Milano, tutte le immagine di una festa che ricorderò per tutta la vita.

Un grazie particolare a Marcello Sforza.